Novità della scienzia

Studio sulla salute dentale: un bel sorriso grazie alla vitamina D

Camilla Freinek Camilla Freinek
da Camilla Freinek, BSc MSc
l' 25.03.2019
Studio sulla salute dentale: un bel sorriso grazie alla vitamina D Studio sulla salute dentale: un bel sorriso grazie alla vitamina D

Uno sguardo all'abbigliamento, alla postura, ai capelli, ma soprattutto al viso: l'impressione che facciamo agli altri e che gli altri ci fanno si stabilisce in pochi secondi. Il fattore di attrazione più importante è un bel sorriso curato. Chi vuole puntare sul sorriso dovrebbe tenere sott'occhio il suo livello di vitamina D. Un buon rifornimento della vitamina del sole fa bene infatti non solo alle ossa, ma anche ai denti. Lo dimostra uno studio su bambini con dentatura sana pubblicata nel 2018 nel Journal of Nutrition.

Nello studio di Johanna Gyll e dei suoi colleghi sono stati esaminati in uno studio dentistico di follow-up bambini di otto anni che già all'età di sei anni erano stati sottoposti a una terapia di vitamina D. Gli 85 partecipanti provenivano da diverse regioni della Svezia.

Nel corso di una ricerca-intervento di tre mesi, i bambini a sei anni avevano assunto ogni giorno 2, 10 o 25 µg di vitamina D3 in forma di integratori a base di latte. Il criterio decisivo era stato che i bambini avevano consumato regolarmente latte, che in Svezia, a causa degli inverni con poca luce solare, viene arricchito con vitamina D. Nel 28% dei casi all'inizio dello studio si era osservato un basso livello di vitamina D, dopo l'intervento erano l'11%.

Due anni dopo è stata effettuata una visita dentistica ai giovani partecipanti allo studio. Sono state raccolte informazioni anche sulle abitudini alimentari, sull'igiene dentale e sull'assunzione di preparati con vitamina D. Il 34% dei partecipanti ha affermato di aver assunto vitamina D nei due anni precedenti. Si è inoltre misurato il livello di Catelicidina LL-37 (proteina antimicrobica presente nel corpo) nella saliva e la concentrazione di streptococchi nel biofilm batterico.

La valutazione dei dati dimostra: un buon apporto di vitamina D all'età di sei anni ha portato a una buona salute dentale a otto anni. Un livello alto di vitamina D era correlato a una maggiore produzioni di Catelicidina nella saliva, che aiuta l'organismo a combattere i batteri nocivi.

Conclusione 

Già da tempo gli esperti sono d'accordo sull'importanza della vitamina D per il metabolismo osseo. Anche i denti possono trarre beneficio dal suo effetto mineralizzante e di supporto al sistema immunitario. Le persone con un buon livello di vitamina D hanno dunque una ragione in più per sorridere

biogena-line
Vitamina D3 15000

Vitamina D3 ad alto dosaggio per il consumo di una volta alla settimana

Vitamin D3 15.000
34,90 €
Vitamin D3 15.000 - 120 Kapseln
biogena-line
Vitamina D 2000 DUO Gold

Vitamina D3 ad alta concentrazione e olio di lino nativo in NutriGellets®

Vitamina D 2000 DUO
24,90 €
Vitamin D 2000 DUO Gold
biogena-line
bestseller
Vitamina D3 gocce

Vitamina D3 in una pratica forma a gocce per un utilizzo ancora più semplice

Vitamina D3 gocce
19,90 €
Vitamin D3 Tropfen
Altri articoli
Sonne genießen und Vitamin D produzieren
8"La vitamina D - clamore o speranza?" Conferenza del Prof. Dr. Jörg Spitz
Il papa della vitamina D, il Prof. Dr. Jörg Spitz, parla del controverso argomento della vitamina D. Nel corso della sua conferenza, si destreggia tra le ultime scoperte delle banche dati internazionali, ma non dimentica di esercitare i muscoli...
Per saperne di più
Michael Wäger
da Michael Wäger, BSc, MSc
l' 26.02.2018
Dossier: mantenere ossa e muscoli forti è anche una questione di vitamina D
Dossier: mantenere ossa e muscoli forti è anche una questione di vitamina D
Quando si pensa alla densità ossea viene subito in mente il calcio. Grazie ad anni di campagne informative molte persone hanno recepito l’importanza di un’altra sostanza nutritiva delle ossa: la vitamina D.
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 01.04.2020
Studio: flora intestinale alterata in soggetti con intolleranza all'istamina
La flora intestinale delle persone sensibili all'istamina alimentare ha una composizione diversa rispetto alla flora intestinale di coloro che non presentano tale sensibilità. Ciò è emerso da uno studio tedesco recentemente pubblicato sul Journal...
Per saperne di più
Michael Wäger
da Michael Wäger, BSc, MSc
l' 27.03.2024