Novità della scienzia

Dossier: mantenere ossa e muscoli forti è anche una questione di vitamina D

da Mag. Margit Weichselbraun
l' 01.04.2020
Dossier: mantenere ossa e muscoli forti è anche una questione di vitamina D Dossier: mantenere ossa e muscoli forti è anche una questione di vitamina D

Quando si pensa alla densità ossea viene subito in mente il calcio. Grazie ad anni di campagne informative molte persone hanno recepito l’importanza di un’altra sostanza nutritiva delle ossa: la vitamina D. Un dossier pubblicato lo scorso anno sulla rivista medica “Deutsche Medizinische Wochenschrift” riporta lo stato attuale delle conoscenze scientifiche di base sulla vitamina D e la densità ossea. Rinfrescate anche voi le vostre conoscenze sulla vitamina D con gli interessanti estratti che abbiamo preparato per voi e che trovate qui di seguito.

Conoscenze di base sulla vitamina D

La vitamina D viene classificata tra le vitamine, ma in realtà non è una vera e propria vitamina: possiede le caratteristiche di un ormone e solo in minima parte viene introdotta nell’organismo attraverso l’alimentazione. La nostra principale fonte di vitamina D è infatti la sintesi endogena, che avviene nel nostro organismo quando esponiamo la pelle alla luce solare.

Lo stato della vitamina D

Per poter assorbire il calcio dall’intestino e incorporarlo nelle ossa, il corpo ha bisogno di una quantità sufficiente di vitamina D. Per valutare le riserve di vitamina D viene solitamente utilizzato il precursore della forma biologica attiva, la cosiddetta vitamina D 25(OH). Non è stato ancora del tutto chiarito qual sia il valore da considerarsi ottimale, ma la classificazione impiegata più di frequente è quella del Prof. Michael F. Holick e colleghi.

Livelli sierici di vitamina D

Stato

< 25 nmol/l (10 ng/ml)

Grave carenza di vitamina Dl

< 50 nmol/l (20 ng/ml)

Carenza di vitamina B

51–72 nmol/l (21–29 ng/ml)

Insufficienza di vitamina D

Idealmente una carenza di vitamina D non dovrebbe mai presentarsi. Una riserva insufficiente di vitamina D è solitamente asintomatica per lungo tempo, pertanto un’analisi del sangue può fare chiarezza. Un test di laboratorio sui livelli di vitamina D può essere raccomandato quasi a tutti, poiché secondo studi pubblicati a livello internazionale, ampi settori della popolazione presentano carenze di questa vitamina. La misurazione regolare dei livelli di vitamina D è fondamentale soprattutto per particolari gruppi a rischio (per esempio individui con la pelle scura, anziani e donne incinte).

Vitamina D e densità ossea

La riduzione della vitamina D indotta dalla stagione invernale si accompagna a un aumento dei livelli di paratormone. Quest’ormone è considerato uno dei protagonisti del metabolismo calcio-fosfato. Un livello elevato di paratormone aumenta l’assimilazione intestinale di calcio e il rilascio di calcio dalle ossa. Le donne in postmenopausa, in particolare, possono incorrere in una significativa riduzione della densità ossea. È sicuramente consigliabile un controllo medico dello stato del calcio e della vitamina D.

Vitamina D e funzionalità muscolare

È ormai noto che la vitamina D solare non è importante solo per la stabilità delle ossa, ma anche per le normali funzioni muscolari. Una meta-analisi condotta su 310 soggetti giovani e sani ha dimostrato che l'integrazione di vitamina D ha un effetto positivo sulla forza muscolare degli arti superiori e inferiori. Un'altra meta-analisi condotta su 5615 persone anziane ha confermato l'effetto positivo della vitamina D sulla forza muscolare, particolarmente efficace nel caso di una precedente carenza di vitamina D. Pertanto, un buon apporto di vitamina D dovrebbe essere garantito a partire dai 50 anni.

Le affermazioni principali dei ricercatori in sintesi

  • Un buon approvvigionamento di vitamina D è importante per mantenere ossa sane e una normale funzionalità muscolare.

  • Ampi settori della popolazione – ma soprattutto i pazienti a rischio – dovrebbero misurare i loro livelli di vitamina D.

  • Un’integrazione di vitamina D (800–1000 IE al giorno) supporta la funzionalità muscolare.

  • La vitamina D2 aumenta in misura minore i livelli di vitamina D, quindi le persone sane dovrebbero ricorrere alla vitamina D3.

Conclusioni: un buon apporto di vitamina D non solo è importante per il mantenimento a lungo termine di ossa sane, ma favorisce anche le normali funzioni muscolari.Se viene rilevata una carenza di vitamina D – affermano i ricercatori – occorre assolutamente porvi rimedio. In questo caso è consigliabile assumere la vitamina D sotto forma di vitamina D3.

Bibliografia

Schlereth, F. et al. (2019), Osteoporose – gibt es Indikationen für eine Vitamin-D-Therapie? In “Dtsch Med Wochenschr.”, 144: 1120-40.

Altri articoli
Studio: Vitamina D per gli atleti – davvero forte!
Nel dicembre 2018, l'International Journal of Environmental Research and Public Health ha pubblicato uno studio austriaco che investigava l'influenza dell'apporto di vitamina D sulle prestazioni muscolari di 581 atleti dilettanti sani di sesso...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 01.03.2019
Sonne genießen und Vitamin D produzieren
8"La vitamina D - clamore o speranza?" Conferenza del Prof. Dr. Jörg Spitz
Il papa della vitamina D, il Prof. Dr. Jörg Spitz, parla del controverso argomento della vitamina D. Nel corso della sua conferenza, si destreggia tra le ultime scoperte delle banche dati internazionali, ma non dimentica di esercitare i muscoli...
Per saperne di più
Michael Wäger
da Michael Wäger, BSc, MSc
l' 26.02.2018
Studio: flora intestinale alterata in soggetti con intolleranza all'istamina
La flora intestinale delle persone sensibili all'istamina alimentare ha una composizione diversa rispetto alla flora intestinale di coloro che non presentano tale sensibilità. Ciò è emerso da uno studio tedesco recentemente pubblicato sul Journal...
Per saperne di più
Michael Wäger
da Michael Wäger, BSc, MSc
l' 27.03.2024