La vita

Forest Bathing: Benvenuto nel mondo curativo delle piante!

da Mag. Margit Weichselbraun
l' 20.04.2021

Un leggero profumo di muschio, il fruscio di foglie e il verde della clorofilla. Chi nella vita è in cerca di relax e tranquillità può immergersi nell'atmosfera della foresta. Un bagno tra gli alberi non è solo un balsamo per il corpo, l'anima e la mente, ma ha anche un effetto notevole sul sistema di difesa del nostro organismo. Ma da dove proviene questa tendenza? Cosa ne pensa la scienza?

Cos'è il Forest Bathing (bagno nella foresta) e da dove proviene?

Forest Bathing. Quello che suona come una sciocchezza esoterica si rivela una forma di promozione della salute scientificamente riconosciuta. Alla base del Forest Bathing c'era una campagna di marketing. Nei primi anni Ottanta, il Ministero dell’Agricoltura, della Foresta e della Pesca giapponese adottò lo slogan di marketing “Shinrin Yoku” (liberamente tradotto come “farsi un bagno nell’atmosfera del bosco”) per attirare la popolazione locale amante della natura a visitare i boschi.

Da gag di marketing a disciplina scientifica

Affiancata dal punto di vista scientifico da un programma di ricerca costato milioni, l'idea del Forest Bathing raggiunse presto un successo senza precedenti. E ora la foresta naturale nazionale di Akasawa attira ogni anno 5 milioni di giapponesi. Nelle università giapponesi, la “medicina delle foreste” è diventata una disciplina scientifica propria, mentre lo “Shinrin Yoku”, consigliato per diversi giorni, viene prescritto da alcuni medici giapponesi.

Forest Bathing nelle nostre latitudini

Anche in Europa, sempre più persone amano respirare l'aria della foresta. Dopo tutto, non sono solo i pini, i larici e i cedri giapponesi ad avere proprietà curative, ma anche abeti, pini e faggi europei. Seguendo le orme della cura giapponese, l'Immanuel-Krankenhaus di Berlino offre ora un percorso di Forest Bathing sul lago Wannsee di Berlino. Gli aspetti benefici per la salute di un soggiorno nella foresta sono ancora oggetto di ricerca in Baviera, dove la Bayrische Heilbäder-Verband (BHV, associazione bavarese dei bagni termali)  in collaborazione con la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco di Baviera ha lanciato il progetto "Foresta e salute".

L’aspetto meraviglioso della naturopatia giapponese è che alle nostre latitudini abbiamo a disposizione ampie superfici boschive, un tesoro gratuito e accessibile a tutti che dovremmo usare volentieri e spesso.

Effetto del Forest Bathing: La nostalgia di tornare a casa

Ma cosa rende il Forest Bathing così benefico per le persone? Per migliaia di anni la superficie terrestre è stata ricoperta da molte più foreste rispetto ad oggi. I nostri antenati attraversavano le antiche foreste, dormivano protetti dagli alberi e vivevano della flora e della fauna che li circondava. Oggi, forse, una parte di quella nostalgia genetica è ancora viva dentro di noi e siamo spinti dalla voglia di immergerci nelle foreste e metterci le radici per un po' di tempo. Il biologo evolutivo Edward O. Wilson della Harvard University è convinto di questa “biofilia”.

Forest Bathing per il benessere dell'anima

Chi si immerge nella foresta con tutti i sensi, respira i profumi della foresta e percepisce i suoni della natura e il gioco di luci e ombre, attiva il sistema parasimpatico, il cosiddetto nervo di riposo del corpo: la frequenza cardiaca e respiratoria diminuiscono e la pressione arteriosa cala.

Gli studi dimostrano che sono sufficienti da 20 a 30 minuti nel verde per ridurre i livelli dell’ormone dello stress cortisolo. Inoltre, una collaborazione di ricerca tra l'Università di Exeter, l'Università del Queensland e il British Trust of Ornithology ha scoperto che chi visita un bosco si sente tanto più felice e fortunato quanto maggiore è il numero di alberi e cespugli che vede e di uccelli che ascolta cantare. Anche il lieve gorgoglio di un ruscello può migliorare l'umore.

Ciò che gli studi dimostrano può essere sperimentato anche sulla propria pelle: protetti dagli alberi e dalle piante alte, lo stress e le sollecitazioni della vita di tutti i giorni passano in secondo piano, almeno per un certo periodo. L'effetto rinfrescante non si sviluppa solo a livello emotivo. Anche le cellule e gli organi hanno il tempo di rigenerarsi.

Rigenerazione verde

Gli psicologi del colore ritengono che le numerose sfumature verdi della foresta abbiano un effetto calmante e armonizzante. Già la vista di una foresta può abbassare i livelli dell’ormone dello stress nel sangue e migliorare il benessere e l'umore. Inoltre, uno studio ha dimostrato che le ferite dei pazienti con “vista sugli alberi” guarivano più rapidamente, necessitavano di meno farmaci analgesici ed erano dimessi prima dall’ospedale.

C’è qualcosa nell’aria

La foresta ha un'atmosfera molto speciale. Mentre l’acqua evapora dalle foglie, le cime degli alberi riducono l’esposizione al sole. Questo crea il tipico "microclima boschivo" con meno luce, temperature più equilibrate, minori movimenti d'aria e maggiore umidità. Inoltre, alberi, arbusti e muschi, ma anche funghi e batteri, rilasciano migliaia di sostanze chimiche. Questi cosiddetti “fitocidi” servono alle piante per vari scopi. Ad esempio, le aiutano a difendersi dai parassiti, a raffreddarsi o a comunicare con altre piante.

Il Forest Bathing prepara le difese immunitarie

Chi respira profondamente in un bosco di conifere può forse sentire il profumo di questi fitocidi: i terpenoidi dall’odore intenso sono considerati particolarmente efficaci dal punto di vista medico e sono rilasciati in particolare dalle piante aghifoglie come abeti e pini. Queste fragranze botaniche sono proprio quelle che attivano le cellule protettive delle nostre difese immunitarie. Uno studio ha dimostrato che una giornata nella foresta aumenta fino al 40% la percentuale di importanti cellule natural killer. Questo effetto dura circa una settimana. In due giorni nella foresta, l'effetto addirittura raddoppia e ci vuole un mese intero per tornare a un livello inferiore. Secondo un team di ricercatori che si occupa di Qing Li, i terpenoidi nel cervello sembrano anche produrre determinati messaggeri che hanno un effetto positivo su glicemia, pressione sanguigna e ormoni dello stress.

Come funziona il Forest Bathing?

Chi si immerge nella foresta con tutti i sensi e la vive in modo giocoso come i bambini, sta già facendo Forest Bathing. Com'è il profumo dell'aria, quali sono i suoni della natura? Sento il canto degli uccelli, il gorgoglio del torrente, il fruscio delle foglie? Qual è il sapore delle erbe e dei frutti della foresta? Cosa si prova camminando a piedi nudi sul terreno, qual è l'effetto delle foglie umide della felce e della resina appiccicosa? Quali tipi di alberi ci sono nel mio luogo magico? Posso osservare gli insetti e quante sfumature di verde riconosco?

Il Forest Bathing richiede di provare, piuttosto che pensare, e di fermarsi, senza fretta. In questo modo, tutti possono godere dell’impressionante potere curativo della foresta. Basta solo un po’ di tempo e di attenzione.

Quindi, esci di casa, entra nel mistico mondo del verde e respira profondamente! La foresta ti aspetta.


Riferimenti:
Hunter M. C. R. et al. 2019. Urban Nature Experiences Reduce Stress in the Context of Daily Life Based on Salivary Biomarkers. Front Psychol. 10:722.

Cox, D. T. C. et al. 2017. Doses of Neighborhood Nature: The Benefits for Mental Health of Living with Nature. BioScience. 67(2):147–55.

Bratman, G. N. et al. 2015. Nature experience reduces rumination and subgenual prefrontal cortex activation. Proc Natl Acad Sci U S A. 112(28):8567–72.

Ka-Yin Yau, K., Loke, A.Y. 2020. Effects of forest bathing on pre-hypertensive and hypertensive adults: a review of the literature. Environ Health Prev Med. 25(1):23.

Li, Q et al. 2008. Visiting a forest, but not a city, increases human natural killer activity and expression of anti-cancer proteins. Int J Immunopathol Pharmacol. 21(1):117–27.

Ochiai, H. et al. 2015. Physiological and Psychological Effects of a Forest Therapy Program on Middle-Aged Females. Int J Environ Res Public Health. 12(12):15222–32.

Li, Q et al. 2006. Phytoncides (wood essential oils) induce human natural killer cell activity. Immunopharmacol Immunotoxicol. 28(2):319–33.

Li, Q. 2010. Effect of forest bathing trips on human immune function. Environ Health Prev Med. 15(1):9–17.

Antonelli, M. et al. 2019. Effects of forest bathing (shinrin-yoku) on levels of cortisol as a stress biomarker: a systematic review and meta-analysis. Int J Biometeorol. 63(8):1117–34.

Ohtsuka, Y. et al. 1998. Shinrin-yoku (forest-air bathing and walking) effectively decreases blood glucose levels in diabetic patients. Int J Biometeorol. 41(3):125–7.

Li, Q. 2019. [Effect of forest bathing (shinrin-yoku) on human health: A review of the literature.] Sante Publique. S1(HS):135–43.

Ideno, Y. et al. 2017. Blood pressure-lowering effect of Shinrin-yoku (Forest bathing): a systematic review and meta-analysis. BMC Complement Altern Med. 17(1):409.

Wen, Y. et al. 2019. Medical empirical research on forest bathing (Shinrin-yoku): una revisione sistematica Environ Health Prev Med. 24(1):70.

Geo. Heilsame Duftstoffe: Wie Bäume unser Immunsystem stärken. https://www.geo.de/natur/oekologie/21200-rtkl-heilsame-duftstoffe-wie-baeume-unser-immunsystem-staerkenAccesso:

Altri articoli
Ridurre lo stress - sette consigli per combattere lo stress
Ridurre lo stress - sette consigli per combattere lo stress
Lo stress non è un modo di dire inventato dalla nostra società, ma una verità sentita. Secondo uno studio, il 75% di tutti i lavoratori tedeschi vive situazioni di stress con una frequenza da sporadica a frequente. Ma cos’è esattamente lo...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 28.10.2022
Il cortisolo – l’ormone dello stress al microscopio
Il cortisolo è un’arma a doppio taglio: benché sia indispensabile per difenderci dallo stress, elevati livelli di cortisolo possono a lungo andare a lungo termine danneggiare la nostra salute. Rispondiamo alle domande più importanti...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 26.02.2021
Gli eroi della natura
Nell'antichità gli uomini, nei vari luoghi del mondo, hanno esplorato e studiato il proprio habitat naturale alla ricerca di piante selvatiche, come erbe, bacche o funghi, da utilizzare miratamente per i propri scopi. Anche noi restiamo ammaliati...
Per saperne di più
da Lisa Ressi, MSc
l' 01.10.2019