Sapere

Cistiti: cause e prevenzione

da Mag. Margit Weichselbraun
l' 12.07.2022
Ah, accidenti! Cosa abbiamo fatto per meritarci una cistite? Bruciore, fitte e la sensazione perenne di dover andare in bagno ci tormentano a ogni passo e movimento. E quando poi arriva il momento di farla sul serio, è come se le fiamme divampassero. Molte donne hanno provato questa spiacevole sensazione. Ma anche gli uomini non ne sono del tutto immuni. Continua a leggere per scoprire come contrastare con successo la cistite con semplicissimi gesti. 


Cos’è una cistite? E cos’è a causarla? 

La cistite è un’infiammazione della mucosa vescicale che può estendersi fino alla parete vescicale. Solitamente, questa infiammazione non si limita alla vescica, ma interessa anche l’uretra. 

Nella maggiorparte dei casi, a causarla sono i batteri, che provengono dall’intestino (in circa l’80% dei casi si tratta di batteri che risiedono nell’intestino crasso) Escherichia coli [E. coli]). Molto più raramente, c’è lo zampino di virus, parassiti o funghi. Quando questi agenti patogeni riescono a entrare nella vescica attraverso l’uretra, possono portare a irritazioni e infiammazioni. 

Perché le donne sono “predestinate” alle cistiti? 

Le donne sono colpite dalle cistiti molto più spesso degli uomini. Questa predisposizione è da ricondurre a circostanze anatomiche naturali: le vie anali e vescicali delle donne sono per natura più vicine rispetto agli uomini. Inoltre, l’uretra femminile è molto più corta, e questo permette ai germi di farsi strada nella vescica più facilmente.

Fattori di rischio: cosa può provocare una cistite?

La cistite può essere favorita da diverse circostanze. Tra i possibili fattori di rischio vi sono: 

  • assunzione insufficiente di liquidi 
  • rapporti sessuali frequenti 
  • cambiamenti ormonali (ad es. menopausa, gravidanza) 
  • flora vaginale distrutta a causa di un’igiene eccessiva
  • tecnica di pulizia sbagliata in bagno 
  • ipotermia (ad es. dovuta a piedi freddi, superfici di seduta fredde, costume bagnato) 
  • sistema immunitario indebolito (ad es. a causa di stress, privazione del sonno) 
  • alcune patologie (ad es. diabete mellito, ingrossamento della prostata) 
  • determinati farmaci (ad es. alcune pillole anticoncezionali, terapie antibiotiche di lungo termine) 

Cistite da luna di miele: quando senti il fuoco della passione

Le coppiette innamorate non riescono a staccarsi le mani di dosso. Tuttavia, spesso le farfalle nello stomaco si trasformano in bruciore nella zona intima femminile. Una delle cose più belle al mondo può facilitare l’ingresso dei patogeni intestinali nelle vie urinarie tramite lo sfregamento meccanico. 

Quali sono le cause di una cistite (poco comune) negli uomini?

Le cistiti sono conosciute come un male tipicamente femminile. Infatti, la “costruzione” anatomica maschile, ovvero le vie urinarie più lunghe e la maggiore distanza fra il retto e le vie urinarie, rende un’infiammazione di quest’ultime più improbabile. 

Ma sebbene gli uomini più giovani siano normalmente quasi del tutto immuni dalle cistiti, in età più matura è possibile osservarne un aumento. Questa maggiore predisposizione alla malattia è da imputare a un’ingrossamento della prostata dovuto all’età. Questa escrescenza benigna può portare a un restringimento dei vasi urinari e a problemi nello svuotamento totale della vescica. L’urina rimanente diventa a sua volta un terreno fertile per agenti patogeni.

Cistite: ci sono differenze per gli uomini per ciò che riguarda il trattamento e la prevenzione?

Trattamento per gli uomini 

Gli uomini sono sì meno colpiti dalle cistiti, ma il loro decorso è spesso più problematico. Il motivo per questo inconveniente è la lunghezza decisamente superiore delle vie urinarie, che possono infiammarsi per tutto il tratto. Mentre le donne riescono a domare una cistite agli albori con metodi naturali, spesso gli stessi metodi non sono altrettanto efficaci per gli uomini. Ciò significa che in caso di sospetto di una cistite per gli uomini, è consigliabile rivolgersi subito a un medico, per poter intervenire il prima possibile, di solito con una terapia antibiotica, ed evitare così un peggioramento e, quindi, complicazioni. Inoltre, in caso di cistiti frequenti, si raccomanda una visita presso un urologo, che può intercettare eventuali patologie anatomiche esistenti (ad es. un ingrossamento della prostata). 

Consigli per la prevenzione: dedicati agli uomini 

Per evitare cistiti, anche gli uomini devono prendersi cura della loro zona intima. Adottare le giuste misure igieniche prima e dopo l’atto d’amore è più importante che mai. Anche l’utilizzo del profilattico ha un’azione protettiva.


Altri consigli per uomini e donne: come si può evitare una cistite? 

Le cistiti possono essere davvero dolorose. Ma questo dolore è del tutto prevenibile. Spesso bastano pochi semplici gesti per mettere i bastoni fra le ruote ai maggiori fattori di rischio:

1. Bere, bere e ancora bere! 

Idratarsi a sufficienza è la parola d’ordine sia per la prevenzione che nel caso di una cistite in corso. Anche se la minzione in caso di infezione non è molto piacevole, ci aiuta ad espellere tutti gli agenti patogeni e a guarire più velocemente. Chi tende alle cistiti può beneficiare dell’effetto purificante dell’idratazione anche dopo i rapporti sessuali come metodo per sbarazzarsi di eventuali batteri attraverso l’urina subito dopo l’atto amoroso. 

2. Igiene delicata 

La cura quotidiana della zona intima è importante e giusta. Tuttavia, per preservare la naturale flora batterica è meglio rinunciare a soluzioni aggressive. Se possibile, è preferibile eseguire l’igiene intima solo con acqua tiepida, oppure, se l’effetto rinfrescante non è abbastanza soddisfacente, con saponi dal pH neutro. 

3. Pulizia con la giusta tecnica 

Dopo essersi “alleggeriti”, è necessario pulirsi con la tecnica giusta. Per evitare l’effetto “taxi” per potenziali agenti patogeni, la pulizia va sempre eseguita da davanti a dietro. 

4. Biancheria intima: comoda e naturale! 

Tanga troppo stretti non sono solo insopportabili: lo sfregamento, il prurito e la sensazione che tagli favoriscono anche le cistiti. Lo stesso vale anche per modelli sintetici, che creano un clima caldo e umido. Per quanto riguarda la biancheria, meglio fare scelte intelligenti e preferire slip e mutande larghe, traspiranti e lavabili ad alte temperature (ad es., di cotone). Per chi tuttavia non vuole rinunciare a pizzo, microfibra e simili, è consigliabile scegliere modelli che abbiano almeno l’inserto interno in cotone, e fare attenzione che gli slip non siano troppo aderenti.

5. Coprirsi bene 

Quante volte le nostre nonne si sono raccomandate di coprirci bene. E come (quasi) sempre, avevano ragione! Quando il nostro corpo si raffredda, arriva meno sangue alla vescica, e questo facilita il transito degli agenti patogeni. Per questo motivo, è consigliabile evitare di tenere addosso costumi bagnati, di avere i piedi freddi o di sedersi su superfici gelide. Anche in caso di un’infiammazione in corso, il caldo fa bene. Si può trarre benessere da una borsa d’acqua calda o un panno tiepido sul ventre, poiché rilassa la muscolatura irrigidita e allevia i dolori.

6. Alimentazione a prova di vescica

Chi tende a cistiti ricorrenti, dovrebbe rivedere anche le proprie abitudini alimentari. Verdure, frutta povera di zucchero, frutta secca, semi, pesci grassi, spezie e oli vegetali di alta qualità possono essere consumati in grandi quantità, mentre è meglio non esagerare con cibi che favoriscono le infiammazioni come ad es. carni grasse (come quella di maiale) e salumi. In caso di sintomi ricorrenti, è meglio godersi con parsimonia anche dolci e altri alimenti ricchi di zuccheri, succhi di frutta, caffè, alcol e altri prodotti preconfezionati (numeri con la lettera E, E433 e E466). Per quest’ultimi, si sospetta che favoriscano le infiammazioni delle mucose. Esistono alcuni probiotici speciali che sostengono il sistema immunitario e la flora intestinale e intima.

7. Avere pazienza e bere tisane

Alcune tisane pensate appositamente per il benessere dei reni e della vescica stimolano la diuresi e, in questo modo, aiutano l’organismo a liberarsi da agenti patogeni indesiderati. Tra questi aiutanti vegetali ci sono le foglie di betulla, l’equiseto e la verga d’oro.  

8. Altri talenti naturali utili

Il mondo vegetale è dalla nostra parte, mettendoci a disposizione ancora un paio di utili aiutanti. Se alcuni rimedi antimicrobici come ad es. gli estratti di rosmarimo possono tenere testa a potenziali invasori, l’estratto di edera con il suo effetto diuretico può aiutarci a espellerli. In molti traggono beneficio preventivo, ma anche curativo, dai mirtilli. Alcuni studi in-vitro hanno in effetti dimostrato che le proantocianidine (PAC) in essi contenuti possono rendere più difficile ai batteri l’attaccamento alle pareti delle vie urinarie. In questo modo, il presupposto per una cistite (ovvero l’attracco dei batteri sul tessuto di destinazione) viene eliminato già alla base.

biogena-line
Uro Caps PAC40
Complesso attivo a base vegetale per uomini e donne per favorire la funzionalità della vescica - Con sostanze vegetali bioattive da mirtillo rosso, acerola, rosmarino e semi di zucca
Il prodotto
31,90 €
Uro Caps PAC40
biogena-line
Formula mirtillo rosso
Complesso di sostanze vitali con vitamine, oligoelementi e prezioso estratto di mirtillo rosso
Il prodotto
32,90 €
Cranberry Formula

Conclusione

Anche solo adottando pochi piccoli suggerimenti e accorgimenti si può fare molto per diminuire il pericolo di una cistite. Molti di questi rimedi casalinghi possono essere d’aiuto anche nella cura di un’infezione già in corso. Se i sintomi persistono e rimangono intensi anche dopo tre giorni, o tornano regolarmente, è il momento di chiedere un parare medico.  

Letteratura presso l’autore. 

Altri articoli
Pronti per l'autunno? - micronutrienti e consigli
Anche se il tempo non ci fa pensare al momento, l'autunno è di nuovo dietro l'angolo e con esso il buio, giornate più brevi e con esso anche svogliatezza e stanchezza. Ma non deve esserlo per forza. Ora è il momento perfetto per ricaricare le...
Per saperne di più
Camilla Freinek
da Camilla Freinek, BSc MSc
l' 09.10.2023
OPC - Un dono della natura estratto da semi e gusci
Cosa hanno in comune il vinacciolo d’uva, il tè verde e il melograno? Sono tutti ricchi di determinate sostanze naturali presenti nelle piante, abbreviate in OPC. Oggi vi spiegheremo le caratteristiche di queste preziose sostanze vegetali e il...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 07.06.2022
Depurare il fegato: questi metodi e rimedi casalinghi aiutano a prendersi cura del fegato
Depurare il fegato: questi metodi e rimedi casalinghi aiutano a prendersi cura del fegato
Dopo il periodo delle abbuffate, è tempo di curare il fegato. Mentre molti di noi si ritirano nella loro “caverna” durante la stagione più buia e trascorrono le fredde giornate invernali con cibo pesante, qualche sorso di alcol e lunghe...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 11.01.2024