La vita

Allergia - cause e rimedi naturali

da Mag. Margit Weichselbraun
l' 10.02.2023
Allergia - cause e rimedi naturali Allergia - cause e rimedi naturali
Starnuti, raffreddore, prurito. Quando le difese del corpo lanciano bombe e granate su degli innocenti, ci troviamo nel bel mezzo di un'allergia, in cui non mancano neppure i danni collaterali. Ma cos’è esattamente un’allergia? E quali sono le cause?

Che cos’è un’allergia?

Il nostro sistema immunitario ci vuole bene. A volte anche troppo. Infatti, nonostante ci protegga al meglio delle sue possibilità da agenti patogeni e sostanze estranee, riconoscendoli e neutralizzandoli, il sistema immunitario degli allergici non ha un’ottima mira, anzi.

Ad oggi conosciamo circa 20.000 allergeni (sostanze che causano allergia); si tratta di sostanze generalmente innocue, ma che possono causare reazioni patologiche nelle persone allergiche. Se un allergene entra in contatto con un allergico e il suo sistema immunitario lo riconosce come “nemico giurato”, quest’ultimo dà il via a una crociata immunologica per eliminarlo. Sfortunatamente, le reazioni infiammatorie possono causare “danni collaterali” all’organismo. Tuttavia, a differenza dei patogeni infettivi, i soggetti allergici non sono mai immuni alla sostanza irritante.

Quali sono le cause delle allergie?

Le allergie sono in aumento in tutto il mondo. Negli ultimi decenni, le malattie allergiche sono aumentate notevolmente, soprattutto nelle grandi città dei paesi sviluppati. Oltre a un cambiamento nella dieta e nello stile di vita, gli scienziati hanno presentato all’inizio degli anni 2000 un altro possibile approccio, la cosiddetta ipotesi igienica. Le allergie sono un “prodotto” di un sistema immunitario troppo poco stimolato.

Questa ipotesi si basa sul fatto che le malattie allergiche e atopiche sono aumentate in modo significativo tra le persone che vivono nelle città dei paesi industrializzati, mentre i bambini in campagna hanno una probabilità notevolmente inferiore di soffrire di asma, raffreddore da fieno o altre allergie. Sembra quindi che l’esposizione dell’organismo del bambino ai germi e allo sporco sia importante per la maturazione immunitaria e abbia un sostanziale effetto protettivo.

Inoltre, esistono anche approcci che danno la colpa alle abitudini alimentari drasticamente cambiate. In molte cucine hanno fatto il loro ingresso, infatti, cibi pronti industriali, i cui conservanti distruggono i microrganismi presenti nel cibo. Questo comporta a sua volta che i soggetti siano sempre meno esposti ai germi e che il sistema immunitario diventi così più suscettibile alle allergie.

Ma il rischio di sviluppare un’allergia non è influenzato solo dall’ambiente microbico. In una certa misura dipende anche dalla predisposizione personale alle allergie. Pertanto, se un genitore è allergico, il rischio di sviluppare allergie aumenta fino a circa il 30%. Se entrambi i genitori sono allergici, aumenta anche di oltre il 60%.

Panoramica di questi e altri fattori di rischio:

Alimentazione
L’intestino è un’importante barriera contro gli allergeni. Inoltre, ospita circa il 70% delle cellule immunitarie. I disturbi intestinali e alcuni componenti della dieta (alcol, allergie crociate associate al polline) possono peggiorare le allergie.

Ipotesi igienica
“Un’igiene eccessiva stimola in misura troppo bassa il sistema immunitario, quindi l’organismo reagisce eccessivamente in presenza di allergeni.”

Predisposizione genetica
I nostri geni determinano il modo in cui le sostanze estranee penetrano attraverso le nostre barriere corporee (pelle, intestino) e il modo in cui il nostro sistema immunitario reagisce agli stimoli ambientali.

Inquinanti atmosferici
Gli inquinanti atmosferici possono irritare le mucose e causare infiammazioni, rendendo più facile l’ingresso di allergeni nel corpo.

Fumo di tabacco
È stata dimostrata una correlazione tra il fumo (passivo) e la probabilità di sviluppare o aggravare l’asma.

Cambiamenti climatici
L’aumento delle temperaturemedie non solo prolunga il periodo di rilascio dei pollini, ma facilita anche la diffusione esponenziale delle piante allergeniche non indigene (come l’ambrosia importata dagli Stati Uniti).

Psiche
L’asma e le malattie atopiche possono peggiorare a causa di stress in famiglia e sul lavoro e di situazioni di sovraccarico psicologico, ad esempio in situazioni di rabbia o ansia.

Batteri
I microbi endogeni presenti nell'intestino, nei polmoni e nella pelle interagiscono con il nostro sistema immunitario. Se l’equilibrio viene compromesso, possono verificarsi anomalie nella risposta immunitaria e quindi allergie.

Quali sono i sintomi tipici di un’allergia?

Rovinano la pelle, provocano prurito al naso o irritano gli occhi: le allergie possono manifestarsi in diversi modi. In alcuni soggetti, i sintomi sono da lievi a poco evidenti, mentre in altri i sintomi sono violenti e limitano la vita quotidiana. I sintomi tipici dell’allergia includono:

  • Naso che cola
  • Ostruzione nasale (soprattutto dopo essersi alzati)
  • Stimolo a starnutire
  • Lacrimazione o bruciore oculare
  • Tosse
  • Mucose arrossate o gonfie
  • Difficoltà respiratorie
  • Gola che graffia o sensazione di oppressione
  • Reazioni cutanee come eruzioni cutanee, orticaria, prurito
  • Disturbi non specifici come mal di testa, diarrea, affaticamento
  • Nei casi gravi: Attacchi asmatici
  • Fino a reazioni potenzialmente letali come lo shock anafilattico

Quali tipi di allergie esistono?

Le allergie possono essere suddivise a seconda di diversi punti di vista: in base alla risposta immunitaria che provocano nell’organismo (tipo I, II, III o IV) o in base al modo in cui gli allergeni entrano nell’organismo (puntura di insetti, assunzione di cibo, inalazione o contatto cutaneo). Le allergie principali includono:

  • Allergia al polline: L’allergia al polline, nota anche come raffreddore da fieno, è l’allergia più comune e più diffusa. Circa il 15% della popolazione ne soffre. Il soggetto reagisce al polline di alcuni alberi, arbusti, erbe, cereali o piante selvatiche.
  • Allergia agli acari della polvere domestica: L’allergia agli acari della polvere domestica dura tutto l’anno e si nota di più di mattina e di notte. I fattori scatenanti non sono gli acari stessi, ma le loro feci che si mescolano con la polvere domestica.
  • Allergia alle muffe: Entriamo in contatto con le spore fungine sia in ambienti residenziali che all’aperto. A seconda del genere di muffe coinvolte, il soggetto ne soffre tutto l’anno o solo stagionalmente.
  • Allergia al pelo animale: In linea generale, è possibile sviluppare un’allergia al pelo animale contro qualsiasi animale con piume o pelo. Tuttavia, i soggetti allergici non reagiscono ai peli o alle piume in sé, bensì ad alcune proteine presenti nel sebo, nella saliva o nella forfora degli animali.
  • Allergia da contatto: In caso di allergia da contatto, il soggetto soffre di eruzioni cutanee, prurito o arrossamento dopo il contatto diretto della pelle con sostanze irritanti come piante, metalli e profumi.
  • Allergia crociata: In caso di allergia crociata, l’organismo reagisce, oltre ai fattori scatenanti di cui si è a conoscenza, anche a proteine simili all’allergene.
  • Allergia ai farmaci: Inoltre, il nostro corpo può essere allergico ad alcuni principi attivi come mezzi di contrasto, antibiotici o antidolorifici.
  • Allergia alle punture degli insetti: Per alcune persone le punture di insetto non sono solo dolorose, ma possono anche causare sintomi allergici pericolosi, fino allo shock anafilattico.

Che cos’è un’allergia alimentare e che cos’è un’intolleranza?

Spesso nel linguaggio comune si utilizzano i termini allergia e intolleranza come fossero sinonimi. Bisogna tuttavia ammettere che il quadro dei disturbi di entrambe le condizioni è simile. Ad esempio, l’allergia alimentare e le intolleranze al lattosio, al fruttosio e l’intolleranza all’istamina possono causare gli stessi disturbi digestivi, malessere o reazioni cutanee.

Tuttavia, nell’allergia alimentare il sistema immunitario è sempre coinvolto e classifica erroneamente alcuni componenti alimentari (allergeni) come una minaccia. Quando l’allergene entra nell’organismo attraverso il cibo, il sistema immunitario attiva reazioni infiammatorie e allergiche per combattere la sostanza estranea. Spesso, quantità minime di un agente irritante sono sufficienti per causare sintomi allergici.

L’intolleranza alimentare non coinvolge il sistema immunitario. I fattori scatenanti sono altri, come ad es. il deficit enzimatico. Diversamente da un’allergia, i soggetti con intolleranze solitamente non devono evitare completamente le sostanze irritanti, ma la soglia di tolleranza varia da un soggetto all’altro.

Quali sono gli agenti naturali che aiutano in caso di allergia?

I micronutrienti e i fitoterapici possono aiutare le persone allergiche a tenere sotto controllo le reazioni spiacevoli e a riacquistare la qualità della vita e il benessere.

Olio di cumino nero

L'olio è conosciuto e apprezzato come rimedio domestico fin dall'antichità. Anche nelle nostre latitudini l’oro di cumino nero chiamato “oro dei faraoni” viene utilizzato in caso di allergie, raffreddore da fieno ed eczema atopico. Infatti, gli studi hanno confermato che i soggetti allergici ottengono sollievo dall'assunzione di olio di cumino nero.

biogena-line
Schwarzkümmelöl 1000

Capsule con olio di Nigella sativa egiziana ad alto dosaggio

Capsule di olio di cumino nero
39,90 €
Schwarzkümmelöl 1000

Astragalo

L'estratto di questa radice è da tempo considerato un compagno immunologico nellasua patria cinese già da molto tempo. Gli studi ora suggeriscono che l’integrazione con astragalo possa aiutare il nostro sistema immunitario a non lasciarsi trovare così rapidamente impreparato in presenza di potenziali irritanti.

biogena-line
Astragalus 300/12

Biogena Astragalus 300/12 contiene un estratto della preziosa radice di Astragalus membranaceus. La radice di tragacanto contiene ingredienti preziosi e per questo è stata utilizzata per oltre 4000 anni nella medicina naturale tradizionale cinese come tonico e per il benessere generale.

Compra astragalo
59,90 €
Astragalus 300/12 - 120 Kapseln

Probiotici e supporto intestinale

Nel campo della prevenzione delle allergie, i probioticihanno un potenziale promettente: Una metanalisi ha dimostrato che la somministrazione di ceppi di batteri probiotici nella prima infanzia ha un effetto particolarmente positivo sullo sviluppo di allergie nei bambini.

Anche la disintossicazione intestinale con micronutrienti amici dell’intestino (L-glutammina, zinco, acido pantotenico) e  sostanze vegetali (camomilla, estratto di tè verde) possono essere di aiuto.

In generale: Una diagnosi e un parere medico accurati sono fondamentali.

Letteratura presso l’autore.

FAQ

Un apporto vitaminico insufficiente può influire sulle nostre funzioni immunitarie. Alcuni studi suggeriscono che le carenze di vitamine A, D ed E possono svolgere un ruolo decisivo in caso di nelle allergie.

In alcuni casi le allergie possono scomparire da sole: soprattutto nelle donne, le fluttuazioni ormonali influiscono spesso lo sviluppo delle allergie.
Altri articoli
Allergie e intestino - Che ruolo ha la salute dell'intestino?
Che ruolo svolge l'intestino nelle allergie? Una domanda legittima. Dopo tutto, l'organo digestivo ospita quasi l'80% di tutte le cellule immunitarie, mentre il sistema immunitario ha a sua volta un ruolo di primo piano nelle malattie allergiche....
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 31.05.2023
Astragalo (tragacanto) – il suo effetto e la sua applicazione
Astragalo (tragacanto) – il suo effetto e la sua applicazione
L'astragalo è un classico della medicina tradizionale cinese che rafforza l'energia vitale e potenzia il sistema immunitario. Ma le proprietà dell'astragalo sono anche all'altezza dei tempi moderni e danno speranza soprattutto a chi soffre di...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 29.03.2023
Olio di cumino nero: Una forza vegetale con una base scientifica
cumino, cumino dei prati, cumino nero. Anche se in italiano questi tre nomi sono simili e possono confondere, a livello botanico le differenze sono sostanziali. Mentre tutti e tre gli omonimi sono spezie che “aggiungono sapore alla nostra vita”,...
Per saperne di più
da Mag. Margit Weichselbraun
l' 13.02.2023