La vita

Longevity: una guida per invecchiare in salute

Michael Wäger Michael Wäger
da Michael Wäger, BSc, MSc
l' 15.04.2024
Longevity Longevity

Grazie alla medicina moderna, la longevità e l'eterna giovinezza non sono più solo una questione di genetica o di pura fortuna. Sono un'arte e una scienza che ognuno di noi può imparare e mettere in pratica nella propria vita quotidiana per vivere il più a lungo possibile nella migliore salute possibile. Questo sviluppo si riassume nel termine longevità e descrive un mondo in cui la saggezza dell'età va di pari passo con la vitalità della giovinezza. Qui presenteremo una prospettiva olistica su cosa significhi realmente vivere una vita lunga e sana e scoprirai come piccoli cambiamenti nella vita di tutti i giorni possano contribuire a questo obiettivo.

Definizione: che cos'è la longevità?

Longevity vuol dire in italiano longevità. Questa tendenza si riferisce al concetto di vita lunga, sana e attiva. Sebbene la longevità sia spesso intesa semplicemente come una vita più lunga rispetto all'aspettativa di vita media, la longevità in senso più ampio comprende la qualità della vita, la salute, la vitalità e il benessere, che dovrebbero essere mantenuti anche in età avanzata. Non si tratta quindi solo di massimizzare il numero di anni di vita, ma soprattutto di mantenere un elevato livello di forma fisica e mentale fino alla vecchiaia.

Ai prodotti della longevità

Invecchiamento sano: i 12 processi chiave dell'invecchiamento

L'invecchiamento è influenzato da una complessa rete di cambiamenti biologici - i 12 processi chiave dell'invecchiamento.

Attrito dei telomeri

Con l'avanzare dell'età, le estremità dei cromosomi, i cosiddetti telomeri, si accorciano e non riescono più a proteggere il DNA. Ciò può aumentare la probabilità di instabilità genomica e compromettere la funzione cellulare.

Comunicazione intercellulare disturbata

Le cellule interagiscono attraverso la trasduzione, la trasmissione di segnali a determinati recettori in cui i segnali vengono convertiti. I segnali extracellulari vengono così convertiti in reazioni cellulari specifiche. Con l'avanzare dell'età, tuttavia, questa comunicazione diventa spesso più difficile e più soggetta a errori.

Instabilità genomica

Il genoma è l'insieme del nostro materiale genetico e comprende tutte le informazioni genetiche di una cellula. Il DNA è il vettore a forma di spirale delle informazioni genetiche. Il DNA viene danneggiato da mutazioni innescate da fattori ambientali come lo stress ossidativo o da meccanismi di riparazione del DNA meno efficienti con l'invecchiamento. Ciò influisce anche sulle nostre cellule staminali, responsabili del rinnovamento e della rigenerazione generale dei tessuti. Il DNA danneggiato può portare a una funzione cellulare difettosa, che compromette il corretto funzionamento di tessuti e organi.

Senescenza cellulare

Le cellule senescenti sono cellule un tempo sane che a un certo punto non possono più dividersi a causa della loro età avanzata. Secernono sostanze che danneggiano le cellule sane circostanti. Queste cellule, note come cellule zombie, aumentano esponenzialmente con l'età e causano danni ai tessuti e agli organi.

Disbiosi

Il microbioma è l'insieme di tutti i microrganismi - come batteri, virus e co - presenti nel nostro corpo. Oggi sappiamo che viviamo in stretta simbiosi con i nostri batteri. Essi influenzano la nostra salute o la nostra malattia e hanno una forte influenza sul nostro sistema immunitario. In età avanzata, la disbiosi - un'alterazione della normale comunità microbica - si verifica sempre più spesso. Di conseguenza, il rischio di malattie neurodegenerative o cardiovascolari aumenta con l'età .

Cambiamenti epigenetici

L'epigenoma è il meccanismo molecolare che regola l'attività dei nostri geni. I nostri geni si accendono e si spengono attraverso le cosiddette metilazioni. Durante l'invecchiamento, questo processo di regolazione va fuori controllo. Di conseguenza, alcuni geni benefici vengono spenti quando dovrebbero essere accesi e geni che possono causare problemi vengono fatalmente accesi.

Infiammazione cronica

Con l'invecchiamento aumenta l'infiammazione cronica, che può essere influenzata da fattori legati allo stile di vita. Questa infiammazione favorisce le malattie legate all'età, tra cui le malattie cardiovascolari, il diabete e le malattie neurodegenerative.

Disfunzioni mitocondriali

La disfunzione mitocondriale svolge un ruolo importante nella ricerca sull'invecchiamento. Con l'avanzare dell'età, possono verificarsi disturbi della funzione mitocondriale, che possono portare a reazioni infiammatorie. L'infiammazione danneggia i mitocondri stessi, il che può portare a un circolo vizioso e contribuire a una serie di problemi di salute.

Perdita della funzione di proteostasi

Idealmente, le proteine di una cellula sono sempre ripiegate correttamente e presenti nella giusta quantità. Tuttavia, gli studi dimostrano che la proteostasi cambia con l'aumentare dell'età. Il ripiegamento delle proteine è spesso difettoso con l'aumentare dell’età. Ciò si accompagna a una perdita della funzione di proteostasi, che contribuisce allo sviluppo di molte malattie legate all'età, come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la cataratta.

Deregolamentazione della sensibilità ai nutrienti

Con l'avanzare dell'età, le cellule diventano meno reattive ai segnali dei nutrienti, compromettendo la capacità delle cellule di utilizzare e produrre energia. Questo può portare a una riduzione dell'energia e a disturbi metabolici.

Esaurimento delle cellule staminali

Con l'invecchiamento, le cellule staminali perdono la loro funzione o si estinguono. Poiché le cellule staminali sono responsabili della produzione di nuove copie delle nostre cellule quando necessario, un numero ridotto o disfunzionale di cellule staminali significa che i nostri tessuti si rigenerano e si conservano meno bene.

Macroautofagia disattivata

La disattivazione della macroautofagia si verifica quando le cellule di un organismo non sono in grado di eseguire l'autopulizia cellulare. Questo porta all'accumulo di componenti cellulari danneggiati o disfunzionali ed è associato a cancro, disturbi metabolici e neurologici.

Consigli di salute per invecchiare: Invecchiare in forma e in salute

Il segreto di una vita lunga e soddisfacente non sta solo nell'allungamento della durata della vita, ma anche nella qualità di questo tempo supplementare. Chi si prende cura della propria salute crea le condizioni ideali per una vita in forma anche in età avanzata.

Contrastare l'invecchiamento della pelle

Molte persone vorrebbero anche migliorare il proprio aspetto con l'avanzare dell'età. Sebbene non esista una cura miracolosa per l'invecchiamento della pelle, è comunque possibile influenzarlo positivamente in una certa misura. Sostanze come l'acido ialuronico e il collagene aiutano a contrastare l'invecchiamento precoce della pelle.

biogena-line
BIOGENA AESTHETICS Vegan Hyaluron Beauty Bundle
HYALURON & PROCOLLAGEN+ Superior e momenti BIOGENA - BEAUTY BITES in un'attraente confezione regalo
Il prodotto
125,90 €
AESTHETICS Hyaluron Bundle

Promuovere l'autofagia e rallentare il naturale processo di invecchiamento delle cellule

La scienza ha compiuto progressi significativi nella ricerca di un invecchiamento sano grazie alla spermidina, una sostanza cellulare naturale. Studi recenti dimostrano che la spermidina contrasta i cambiamenti legati all'età nelle cellule. È strettamente legata alla crescita e alla funzione cellulare e mantiene le cellule fresche e funzionali promuovendo il loro processo di autopulizia. Tuttavia, con l'avanzare dell'età, la disponibilità di spermidina nelle cellule diminuisce, determinando un declino della vitalità cellulare e aumentando il rischio di malattie legate all'età, come quelle cardiovascolari e la demenza. I ricercatori sull'invecchiamento ritengono che la spermidina abbia il potenziale per rallentare il naturale processo di invecchiamento delle cellule e attenuare le malattie legate all'età.

biogena-line
Spermidin CellImmun®
Il preparato combinato a base di spermidina di qualità superiore, zinco e astaxantina: un supporto intelligente per le cellule e il sistema immunitario con effetto di freschezza cellulare
Il prodotto
94,90 €
Spermidin CellImmun®

Contrastare la senescenza cellulare e i segni dell'invecchiamento

La fisetina e la quercetina mostrano notevoli effetti anti-invecchiamento. Le ricerche suggeriscono che la fisetina è un efficace senolitico naturale e la quercetina offre un valido supporto per cobtrastare l'invecchiamento. I senolitici avviano la disgregazione delle cellule senescenti (vecchie e danneggiate) che altrimenti porterebbero a una serie di segni di invecchiamento.

biogena-line
SenoCetin active Gold
Complesso speciale ad azione senolitica con fisetina e quercetina per ridurre le cellule senescenti
Il prodotto
99,90 €
SenoCetin active - 60 Kapseln

Un sonno sano per sostenere l'autofagia

Esistono metodi efficaci che supportano l'autofagia del nostro organismo, tra cui un sonno sufficiente è particolarmente promettente. Il sonno attiva il sistema linfatico del cervello, che elimina i prodotti di scarto della giornata. Il sonno è stato a lungo trascurato dalla medicina, ma è ormai riconosciuto che è essenziale per la nostra salute. Una mancanza permanente di sonno può ostacolare la rimozione delle scorie cellulari e aumentare il rischio di Alzheimer. Chi vuole sostenere il proprio organismo in questo senso, può, utilizzare la spermidina.

Sostenere i mitocondri e mantenere l'energia cellulare

L'esercizio fisico è considerato un metodo efficace contro l'invecchiamento perché sostiene direttamente i mitocondri, le centrali energetiche cellulari. Questi sono fondamentali per l'approvvigionamento energetico del nostro corpo; ad esempio, una cellula del muscolo cardiaco contiene circa 5000 di queste centrali energetiche. Anche le cellule nervose, epatiche e sensoriali sono ricche di mitocondri. Tuttavia, è problematico che i mitocondri possano mostrare segni di affaticamento a partire dai 25 anni. Sostanze come il calcio, la glicina e l'alfa-chetoglutarato possono contribuire a mantenere la funzione e l'efficienza dei mitocondri, ottimizzando così la produzione di energia cellulare. EpiG stabilise Gold di BIOGENA, ad esempio, contribuisce all'inibizione della metilazione del DNA e alla promozione della demetilazione del DNA.

biogena-line
EpiG stabilize
Complesso speciale per la longevità con alfa-chetoglutarato e preziosi polifenoli dell'estratto di tè verde, abbinato a dosi elevate di niacina, calcio e acido folico per favorire un invecchiamento sano
Il prodotto
46,90 €
EpiG stabilize - 60 Kapseln
biogena-line
Best Age Superior 
Trattamento premium antietà con 24 sostanze vitali di alto livello - sviluppato secondo le più recenti scoperte della ricerca sulla longevità
Il prodotto
149,90 €
Best Age Superior - 180 Kapseln

Il termine "anti-aging" comprende misure volte a evitare, ridurre o rallentare i processi di invecchiamento e gli effetti collaterali negativi dell'invecchiamento (come le malattie croniche) attraverso la prevenzione, la diagnosi precoce e le terapie. L'obiettivo non è solo quello di aumentare gli anni di vita, ma anche di vivere gli anni del tramonto con una migliore qualità di vita.

L'invecchiamento biologico si riferisce al processo attraverso il quale il corpo umano perde funzionalità e struttura nel corso del tempo. Il processo di invecchiamento naturale comprende una serie di meccanismi biologici che causano il graduale declino delle prestazioni fisiche. Questi meccanismi comprendono il deterioramento delle cellule, i danni al DNA, i cambiamenti ormonali e la disgregazione dei tessuti. Questi cambiamenti portano a una riduzione della capacità fisiologica dell'organismo, aumentando la suscettibilità alle malattie e ai problemi di salute.

La ricerca sulla longevità mira ad approfondire la comprensione di questi processi di invecchiamento e a sviluppare strategie per migliorare la qualità della vita in età avanzata e ridurre al minimo l'insorgenza di malattie legate all'età.

I geni svolgono un ruolo importante, ma non sono l'unico fattore che determina la nostra aspettativa di vita. Si stima che i fattori genetici contribuiscano per circa il 25% alla durata della vita di un individuo. Sebbene alcune persone abbiano una maggiore probabilità genetica di vivere più a lungo, la ricerca dimostra che lo stile di vita e i fattori ambientali rappresentano la maggior parte della variazione della durata della vita.

Si presume che lo stile di vita nei primi otto decenni di vita abbia un'influenza più forte della genetica sulla salute e sulla durata della vita. Solo nelle persone con più di 80 anni la genetica sembra svolgere un ruolo più importante nel mantenere la salute e la vitalità. Tra i centenari, questa percentuale sale al 33% per le donne e al 48% per gli uomini. Tuttavia, occorre tenere presente che lo sviluppo di differenze individuali nella salute e quindi nella longevità è dovuto all'interazione dinamica tra variazioni genetiche e ambientali.

Grazie ai progressi della medicina e dell'assistenza sanitaria e alla crescente consapevolezza di stili di vita sani, è probabile che l'aspettativa di vita media continui ad aumentare in futuro. Le innovazioni nel trattamento delle malattie croniche e lo sviluppo di una medicina personalizzata e di migliori strategie di prevenzione possono contribuire a prolungare la vita e a migliorare la qualità della vita in età avanzata. Tuttavia, il potenziale per una vita più lunga dipende anche da fattori socio-economici, dall'accesso all'assistenza sanitaria e da sfide globali come l'inquinamento ambientale e il cambiamento climatico.

Ulteriori letture:

Brooks-Wilson, A. R. 2013. genetica dell'invecchiamento sano e della longevità. Genetica umana. 132:1323-1338.

Caruso, C. et al. 2022. Quanto sono importanti i geni per raggiungere la longevità? Int J Mol Sci. 23(10):5635.

Chakravarti, D. et al. 2021. telomeri: storia, salute e caratteristiche dell'invecchiamento. Cell. 184(2):306-322.

Sinclair, D. A., LaPlante, M. D. 2020. La fine dell'invecchiamento - La medicina rivoluzionaria di domani. Dumont-Verlag.

Haas, R. H. 2019. Disfunzione mitocondriale nell'invecchiamento e nelle malattie dell'invecchiamento. Biologia. 8(2):48.

López-Otín, C. et al. 2023. segni distintivi dell'invecchiamento: Un universo in espansione. Cell. 186(2):243-278.

López-Otín, C. et al. 2016. controllo metabolico della longevità. Cell. 166(4):802-821.

Mi, L., et al. 2022. il meccanismo di invecchiamento delle cellule staminali. Stem Cell Rev Rep. 18(4):1281-1293.

Pagiatakis, C. et al. 2021. Epigenetica dell'invecchiamento e delle malattie: una breve panoramica. Aging Clin Exp Res. 33:737-745.

Sameri, S. et al. 2020. L'invecchiamento delle cellule staminali nella durata della vita e nelle malattie: una revisione dello stato dell'arte. Curr Stem Cell Res Ther. 15(4):362-378.

Saul, D., Kosinsky, R. L. 2021. epigenetica dell'invecchiamento e delle malattie associate all'invecchiamento. Int J Mol Sci. 22(1):401.

Voelpel, S., González y Fandiño, A. 2020. La Formula della Fontana della Giovinezza - Come rimanere in salute fino alla vecchiaia. Rowohlt/Polaris-Verlag.

Altri articoli
Tutto sul collagene – effetto, fabbisogno giornaliero e uso
Tutto sul collagene – effetto, fabbisogno giornaliero e uso
Attualmente il collagene è sulla bocca di tutti nel settore della bellezza e del benessere. Questa proteina strutturale distende la pelle, rinforza le articolazioni e mantiene in equilibrio la nostra composizione corporea. Ma cos’è esattamente...
Tutto sulla quercetina: effetti, fabbisogno, assunzione e dosaggio
La quercetina è un pigmento naturale di colore giallo limone presente in molte piante. Grazie ai suoi effetti positivi di vasta portata sulla salute umana, questo flavonoide è oggetto di un interesse scientifico ricorrente. Ma quali sono i campi...
Sport e sirtuine: la via per un corpo giovane
L'invecchiamento per noi esseri umani è caratterizzato dalla diminuzione dell'attività fisica. C'è una correlazione tra movimento e attività delle sirtuine? Secondo un'indagine scientifica pubblicata a giugno 2019, c'è.